DECIDIAMO.

Associazione informale della comunità DECIDIAMO
per la democrazia partecipativa e la sovranità digitale

Github Twitter Telegram OpenRousseau

I 10 principi di riforma statutaria M5S per OpenRousseau

(Lettera aperta ai deputati del Movimento 5 Stelle, 27 Ottobre 2020)

Cari attivisti del Movimento 5 Stelle,

Dal lancio della comunità DECIDIAMO. e OpenRousseau, nelle scorse settimane, abbiamo avuto modo di parlare con molti di voi, deputati e senatori, oltre ai talenti tecnici investiti nello sviluppo dell'attuale sistema operativo del Movimento.

Tante sono state le richieste di chiarimenti circa l'iniziativa che rappresento nella sua posizione propositiva seppur critica alla piattaforma Rousseau.

OpenRousseau è uno degli sviluppi in seno alla comunità DECIDIAMO. e con esso intendiamo promuovere la pratica della democrazia partecipativa in Italia, tramite l’uso di tecnologia libera ed open source.

Ma proprio riguardo a quel che abbiamo appreso sull'uso di Rousseau da parte del MoVimento 5 Stelle, barlumi di una preziosa esperienza di cui siete depositari, riteniamo doveroso puntualizzare quanto segue.

Un qualsiasi software gestionale o cosiddetto "sistema operativo", per quanto evoluto, non potrà mai sostituire e surrogare l’esigenza di una fattuale partecipazione dei cittadini alla gestione partecipativa e trasparente della cosa pubblica.

Gli strumenti tecnologici possono agevolare fasi di comunicazione, valutazione e decisione solo in quanto mezzi e mai come un fine.

La democrazia o è concretamente partecipata o non lo è; la partecipazione dei cittadini può e deve fondarsi su forme di disintermediazione diffusi sul territorio che effettivamente contribuiscano a determinare dal basso i processi decisionali del governo.

Il "sistema operativo Rousseau", nel suo ruolo di potenziamento dell'umano e di allargamento della partecipazione della base alle decisioni politiche, non è un soggetto neutro e non è nella effettiva disponibilità organizzativa e gestionale della stessa base a cui vuole rivolgersi e dei suoi rappresentanti.

Questa condizione consentirebbe una reale condivisione degli strumenti di sviluppo, che rimane essenzialmente proprietario.

Al di là delle intenzioni resta quindi uno strumento ordinato ma paludoso, enigmatico e conflittuale che svolge la funzione del partitismo tecnocratico tradizionale:

Creare liste elettorali di persone da scegliere come delegati politici nel Sistema Italia.

Ed è proprio questa la funzione più rilevante per la creazione e trasformazione del potere in Italia.

Solo chi dimostrerà di saper umanizzare il potere, parafrasando Zygmunt Bauman, potrà fronteggiare la valanga depoliticizzante della modernità che inevitabilmente porta all'antipolitica, al cinismo, al tecnicismo, all'ipocrisia e corruzione tipiche dei regimi di oppressione moderni.

Nello specifico delle dinamiche involutive tecno-politiche più eclatanti del MoVimento in questi ultimi anni va menzionato il repentino “cambiamento paradigmatico”, di spessore drammaturgico, avvenuto nel capodanno 2017-2018 con l'istaurazione di un nuovo statuto.

Crediamo che non sia una coincidenza che da allora siano venuti a mancare gli "streaming": metodologia fondante per il MoVimento che concretizza i principi di partecipazione nella pratica di filmare e condividere fra gli attivisti tutte le riunioni importanti.

È venuta a mancare una promessa che, in modo virtuoso e trasversale, ha movimentato così tante persone in Italia attorno a quella che noi di DECIDIAMO. rifiutiamo di considerare un’utopia: la trasparenza.

Con questa nuova missiva oggi intendiamo contribuire al MoVimento un'analisi dello statuto che riteniamo puntuale e precisa, primo contributo tecnico della nostra comunità.

Sono 10 i principi necessari una riforma statutaria del Movimento che possa introdurre democrazia interna e partecipazione, condizione necessaria per accogliere OpenRousseau.

La trovate qui: Principi per OpenRousseau.

Alla luce di queste consapevolezze ci sembra una strumentalizzazione ipocrita quella di porre rimedio alle contraddizioni del progetto Rousseau con un’operazione di maquillage tecnico in cui finanche i piu' alti talenti del mondo del software libero ed open source non possono aiutare il MoVimento a progredire nella risoluzione dei suoi problemi apponendo delle pezze in superficie.

In qualità di promotori dell'iniziativa DECIDIAMO. ribadiamo il nostro impegno a nutrire una comunità propositiva ed a offrire conoscenze ed esperienze tecniche ivi radunate in modo disinteressato alla società civile italiana, tanto al MoVimento quanto ai vari movimenti di base, alle municipalità ed alle forze politiche più progressiste.

La nostra ambizione politica è quella di liberare l'Italia dalla collusione, dalla corruzione e dal nepotismo che affligge finanche questa terza Repubblica.

Siamo consapevoli che anche grazie al MoVimento 5 stelle stiamo vivendo un passaggio politico ed istituzionale storico ed unico per ridimensionare ed emarginare le forze più retrive e reazionarie del nostro paese.

A tal fine ognuno di noi, per quanto può, deve fare generosamente e disinteressatamente la propria parte mettendosi in gioco sul piano politico e professionale, superando strumentali e astratte contese di potere; occorre avere come unico fine la rifondazione di un'Italia culturalmente e storicamente vocata alla solidarietà e all’accoglienza in un contesto sociale ed istituzionale egualitario, giusto e plurale.

Agli attivisti 5 stelle ed ai loro più genuini portavoce rivolgiamo un appello: abbiate a cuore la vostra momentanea delega, agite e perseverate con coraggio e pazienza verso il politicamente e l‘eticamente giusto, degno e corretto.

Di intrighi, macchinazioni e complotti il popolo non ha alcun bisogno, ma di vera democrazia, giustizia e onestà sì e per questo anche noi ci siamo e ci saremo sempre.

„Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia aggruppare i nodi che poi solo la spada potrà tagliare, lascia promulgare le leggi che poi solo la rivolta farà abrogare, lascia salire al potere gli uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare“ - Antonio Gramsci

  Denis "Jaromil" Roio      https://Dyne.org think &do tank
  Ph.D, CTO & co-founder    software to empower communities
  𝄞 crypto κρυπτο крипто क्रिप्टो 加密 التشفير הצפנה
  ⚷ 6113D89C A825C5CE DD02C872 73B35DA5 4ACB7D10

Le piattaforme decisionali sono un bene comune

(Lettera aperta ai deputati del Movimento 5 Stelle, 2 Ottobre 2020)

Cari attivisti del Movimento 5 Stelle,

Vi scrivo in veste di portavoce dell'iniziativa Open Rousseau e come facilitatore della comunità nascente di Decidiamo. Ma soprattutto vi scrivo da ammiratore: dal 2009 ad oggi avete aperto con pragmatismo ed onestà degli spazi istituzionali che un paio di decenni fa' sembravano di appannaggio esclusivo di poche dinastie politiche in Italia. Avete creato un movimento, un partito e state riuscendo a governare in uno dei periodi storici più difficili di questo secolo.

Quattro anni fa ho anche avuto la fortuna di conoscere alcuni di voi di persona in occasione di un incontro a Montecitorio e sono rimasto affascinato: voi avete dimostrato a tanti giovani come me, fortemente delusi dall'Italia della seconda Repubblica, che un'altro mondo è possibile.

Ma già in tale occasione ebbi da discutere riguardo un problema che voi stessi avevate già identificato, ma che chiaramente entrava in secondo piano rispetto a delle priorità ben più pressanti alle porte del vostro primo mandato di governo.

Il problema è rimasto irrisolto per tutto questo tempo ed è un problema tecno-politico iscritto nei complessi rapporti di potere che si istaurano tra una tecnologia e chi la adotta... che in molti casi implica un condizionamento dei partecipanti da parte dalle tecnologie stesse.

Siete riusciti a consolidare un movimento dal basso a partire dalle piazze in una macchina politica funzionante, ma come strumento principale avete adottato un dispositivo calato dall'alto che, seppur concesso da un Prometeo con nobili intenti, resta una scatola nera che gestisce il dibattito politico senza fornire alcuna trasparenza sui processi tecnologici. Sto parlando ovviamente della piattaforma Rousseau, i cui codici sono chiusi da licenze proprietarie che non solo non ne permettono l'analisi e la verifica da parte di esperti indipendenti, ma non danno l'opportunità di studiare, migliorare e riprodurre questa esperienza in altri contesti pubblici.

Con il lancio di Open Rousseau, ma soprattutto con la creazione della community Decidiamo! oggi intendo proporvi una soluzione a questo problema. Attenzione: non intendo fare concorrenza al prodotto già in uso nè vi sto chiedendo di fidarvi della nostra piattaforma, di me o del buon Fabio che magari trolla un pò, ma a fin di bene ;^)

Sto proponendo prima di tutto un modo di fare diverso, che rispecchi il carattere di iniziativa dal basso proprio del Movimento 5 Stelle: il modo di fare del software libero ed open source coniugato alla sovranità digitale. Non solo perchè si addice al vostro movimento, ma perchè allarga il campo politico alle decisioni tecniche, come credo giusto sia, dato che implicano sempre delle conseguenze politiche.

Perchè non solo in questo modo saremo in grado di garantire più trasparenza su processi decisionali e di voto la cui integrità mette a rischio il governo stesso del nostro Bel Paese, ma perchè c'è un popolo di ricercatori, sviluppatori e hacker etici in grado di contribuire e migliorare piattaforme di partecipazione democratica.

Proprio come le leggi sono oggetto di dibattito democratico, così anche il codice sorgente di una piattaforma software è giusto che lo sia, dato che condiziona il suo utilizzo. Su questo abbiamo molto da impare dal progetto DECIDIM: pensate che usano la piattaforma stessa per prendere decisioni tecniche sulla sua evoluzione e manutenzione, l'iniziativa si chiama META DECIDIM e chiaramente è tesa a coinvolgere in modo aperto tutti e tutte.

Concludo citando un illustre politico e mio conterraneo, Marco Pannella: dobbiamo combattere la tecnocrazia. Voi stessi in funzione di politici sapete bene quanto lavoro sia necessario per condividere la comprensione delle realtà variegate che coesistono nella nostra penisola con il suo popolo. Ed in quanto politici dovete assicurarvi che il terreno sotto i vostri piedi non ceda: le piattaforme e architetture digitali a cui vi affidate non possono essere scatole chiuse, non possono dettare le vostre decisioni, ma devono facilitarle, non devono celare i processi decisionali, ma devono palesarli. In un mondo che accellera l'adozione di strumenti digitali in politica la nostra missione deve essere quella di palesarli e condividerli per un dialogo democratico ed inclusivo.

La comunità di Decidiamo e' dalla vostra parte: siamo consapevoli del potere che si accentra nei processi tecnologici ed intendiamo condividerlo per una maggiore comprensione delle sue ripercussioni sulla società. Questa rivoluzione non parte dalla tecnologia, ma dalla volontà di portare avanti un umanesimo della scienza che non lasci indientro nessuno e nessuna.

È da una comunità hacker che parte questo appello ed è ad una comunità ancora più grande che vogliamo arrivare: la nostra chat conta già partecipanti molto validi ed influenti in Italia, aggregati da questo appello partiamo per l'evoluzione di un movimento che si è ben radicato sul territorio italiano, ma deve ancora prendere possesso dei suoi strumenti, che stiamo radunando qui

Questa iniziativa non è proprietà di nessuno, se non della comunità Decidiamo.it a cui secondo lo spirito di partecipazione e collaborazione proprio del mondo del software libero è possibile partecipare e contribuire liberamente, pragmaticamente, consapevolmente.

Speriamo che questa iniziativa possa essere di vostro interesse, che possiate e vogliate contribuire con la vostra esperienza politica affinché esista una valida alternativa di partecipazione civica interamente basata sul software libero come bene comune digitale.

Se non ora, quando?

Grazie della vostra attenzione!

  Denis "Jaromil" Roio      https://Dyne.org think &do tank
  Ph.D, CTO & co-founder    software to empower communities
  𝄞 crypto κρυπτο крипто क्रिप्टो 加密 التشفير הצפנה
  ⚷ 6113D89C A825C5CE DD02C872 73B35DA5 4ACB7D10